Da qui: http://www.autodesk.com/campaigns/spark

Anche Autodesk, marchio storico nel Cad, che per me era la grande assente nel campo delle stampanti 3D, annuncia il proprio ingresso in questo mercato.

Carl Bass, Ceo e Presidente di Autodesk ha scritto sul sito della società un messaggio di accompagnamento al progetto “Spark”, focalizzato sull’incremento della diffusione della stampa in 3D nei processi di design e manufacturing.

Qui il testo originale, con un bellissimo titolo “Ignite The Next Industrial Revolution” dell’intervento di Bass: http://inthefold.autodesk.com/in_the_fold/2014/05/accelerating-the-future-of-3d-printing.html

Spark sarà costituito essenzialmente da una piattaforma software che renderà più facile la stampa di modelli 3D, e una stampante per riprodurli, usando vari materiali, sia prodotti da Autodesk che da terzi. La piattaforma sarà concessa in licenza gratuita ai produttori hardware per essere integrata all’interno di altre stampanti in 3D, esistenti o future; anche il disegno della stampante sarà reso disponibile pubblicamente con l’idea di usarlo come base per sviluppi futuri.

Un importante ambito di esplorazione sarà quello dei materiali di stampa. Per supportare questo filone di ricerca renderanno semplice l’integrazione di nuovi materiali nella stampante [e questo è il punto che mi stimola maggiormente].

Autoesk ritiene che un fattore critico per il successo della propria tecnologia di stampa in 3d sia l’integrazione tra hardware e software: il disegno in 3D e la relativa stampa devono lavorare in stretta partnership.

La strategia della società prevede che sia la piattaforma software che la stampante del progetto Spark siano resi disponibili nei prossimi mesi. Alcuni siti americani stanno anticipando che il costo della stampante dovrebbe aggirarsi intorno ai 5mila dollari [ponendo quindi questa stampante verso un pubblico di professionisti più che verso il mercato consumer]. Sotto questo punto di vista, alcuni prodotti della concorrenza che oggi sono punto di riferimento –  Replicator 2X di MakerBot e Cube 3 di 3D Systems – costano precchio di meno e precisamente: 2.500 dollari il primo e 1.000 il secondo.

Occorrerà analizzare le feature di questa stampante, di cui al momento è disponbile questa foto:

Stampante in 3D Autodesk Spark

Stampante in 3D Autodesk Spark

Autodesk crede che la stampa in 3D abbia il potenziale per cambiare il modo in cui le cose sono progettate e costruitite e pensa che l’industria di questa settore sia ancora agli albori.

Con Spark vuole dare il suo contributo innovativo alla stampa in 3D, rendendola accessibile a miliardi di persone.

Il mercato del 3D printing vale oggi circa 2,5 miliardi di dollari [fonte: analisi della società di ricerca Canalys] ma si stima che superarà i 16 miliardi entro il 2018.

Alcuni analisti vedono un parallelisimo tra l’idea di offrire gratuitamente la licenza della piattaforma e quanto fatto da Google con Android.

Il futuro delle stampanti 3D seguirà una evoluzione simile a quanto accaduto con gli smartphone?